Siamo andati al Castello di Malpaga…e di Cavernago con tutta la banda dei ragazzi di BERGAMO GRAVEL. 

Partenza al RADUN alle ore 08:30, si pedala in direzione di Treviglio, poi Brignano e da lì si punta verso Cologno al Serio. 

Di li a poco si prenderà la riva orientale del fiume Serio in direzione Nord che terremo con noi per qualche chilometro. 

Lungo il sentiero troverete le indicazioni “Castello di Malpaga” ed a quel punto bisogna abbandonare la sterrata in direzione del castello. 

[sgpx gpx=”/wp-content/uploads/gpx/malpaga.gpx”]

Castello di Malpaga

Il castello di Malpaga si trova nel territorio di Cavernago, piccolo comune alle porte di Bergamo, nell’omonima frazione. Un tempo fu il centro del Principato di fatto che Bartolomeo Colleoni, capitano generale di Venezia, si era costruito.

Bartolomeo Colleoni acquistò nel 1456, dal comune di Bergamo, il castello diroccato di Malpaga con l’intenzione di farne la propria residenza e il centro del suo dominio.

Egli ristrutturò e trasformò il castello rendendolo una inespugnabile fortezza, campo di alloggiamento per i suoi soldati e magnifica residenza: corte principesca, testimonianza di un successo socio-militare, oltre che centro politico nello scenario spesso confuso della geopolitica italiana dell’epoca e, al tempo stesso, un buon ritiro per gli anni del tramonto. Come tutti i principi rinascimentali, il Colleoni voleva affermare e manifestare il prestigio raggiunto e il potere conquistato attraverso opere visibili che dessero memoria della grandezza raggiunta, attraverso un mecenatismo che ne certificasse la sensibilità alla cultura, al bello, all’arte.

Dopo essere passato nelle mani dei Martinengo, il castello fu soggetto a interventi di rielaborazione.

Fatte le foto di rito dirigiamo la bicicletta verso il “Castello di Cavernago” anch’esso meritevole di una visita. 

Dopo la visita al secondo castello riprendiamo il sentiero del fiume Serio in direzione nord per arrivare poi a Seriate dove passare sull’altra sponda attraverso la bellissima passerella pedonale.

Da qui “scendiamo” verso sud e ci buttiamo di nuovo nella campagna della bassa bergamasca per arrivare a Cassano d’Adda sempre lungo sterrate e tratti in asfalto con pochissimo traffico.

Il percorso è adatto a tutti, non ha dislivello ed è fattibile sia con biciclette gravel che con mountainbike.
La traccia che trovate qui sopra è leggermente modificata rispetto a quella pedalata nel video 😁👇

Il video dell’uscita

Qui sotto trovate il video dell’uscita sul nostro canale YouTube, iscrivetevi è gratis!!!

https://youtu.be/jS8xtrUJhpg